Archivi tag: gordon brown

David Cameron, Primo ministro

Il leader dei conservatori David Cameron ha ricevuto dalla regina Elisabetta II l’incarico di formare il nuovo governo del Regno Unito. Lo farà con una coalizione alla quale parteciperanno i liberaldemocratici di Nick Clegg per il quale già si parla di un ruolo da vice di Cameron, mentre George Osborne avrà le chiavi dell’economia in qualità di Chancellor of the Exchequer. La sfida del nuovo esecutivo, secondo le intenzione di Cameron, è di assicurare una “piena coalizione” per affrontare i problemi della Gran Bretagna e ridare responsabilità alla politica e alla società.

L’addio di Gordon Brown

Il laburista Gordon Brown si è dimesso dalla carica di Primo ministro una volta apparsa chiara che l’ipotesi di un patto con i lib dem era divenuto impossibile. Brown si è detto “privilegiato” per aver potuto servire il Paese sia come segretario che come capo del governo. Una volta raggiunto il quartiere generale del partito laburista in Victoria Street, ha nuovamente ringraziato tutti coloro che lo hanno affiancato, tra cui Tony Blair. Poi, commosso, ha ringraziato anche la moglie Sarah.

Tredici anni dopo la rivoluzione del New Labour, i Tories sono tornati a Downing Street.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Qualcosa si muove

L’orizzonte si fa più chiaro per David Cameron e i Tories a meno di una settimana dalle elezioni. Dopo il dibattito di ieri sera sulle frequenze dalla BBC dove il tema centrale era l’economia, i conservatori sembrano finalmente aver trovato lo sprint per l’allungo finale, complice anche la buona impressione del loro leader agli occhi dei telespettatori che lo hanno gradito ben più di Clegg e Brown.

D’altra parte, alla luce del trambusto finanziario attraverso il quale è passato il Regno Unito negli ultimi tre anni, era inevitabile che sul campo dell’economia si combattesse la battaglia più importante di questa campagna elettorale. Se l’agenzia di scommesse Betfair ha rifatto i conti (l’ipotesi di un “hung Parliament” è quotata ora a 1.84, mentre i Tories a 2.28), le proiezioni dei seggi dicono che – a sondaggi non del tutto freschi – Cameron ne otterrebbe 316: un balzo in avanti rispetto alle ultime due settimane.

I laburisti ristagnano, i liberaldemocratici pare abbiano smarrito la lucidità e il fattore novità, i conservatori hanno tenuto botta. Circola addirittura un grafico che dà quest’ultimi al 42%,  i Lid Dem al 32 e il Labour Party al terzo posto (25). Forse anche per questo oggi ha parlato Blair, per il quale “Brown non ha fallito”. Sarà…

2 commenti

Archiviato in Politica

Il fuori onda del Primo ministro

Gordon Brown ha definito “bigoted woman” una sostenitrice dopo un incontro pubblico. Tornando in macchina, si è sfogato con un assistente senza accorgersi che il microfono era ancora aperto.

Quota scommesse

Il 6 maggio è alle porte ed è di nuovo tempo di dare un’occhiata alle previsioni elettorali di Betfair. Dunque: i numeri non sono propriamente dalla parte dei Tories di David Cameron perché secondo l’agenzia di scommesse, le probabilità di un hung parliament sono pari al 63%, mentre la vittoria dei conservatori è calcolata al 33%.

Le quote: i conservatori sono dati a 3, il parlamento bloccato a 1.58, i laburisti addirittura a 32. Non compaiono i liberaldemocratici di Nick Clegg solo perché hanno la maggioranza di quel 63% che mette i brividi a David Cameron.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Perché David

A poco più di una settimana dal fatidico 6 maggio, l’esito delle elezioni britanniche è quanto mai complesso e imprevedibile. L’ipotesi che si vada verso un parlamento bloccato, senza una maggioranza assoluta, ha preso corpo in termini di numeri reali pochi giorni dopo il via ufficiale della campagna elettorale: i liberaldemocratici di Nick Clegg, con il suo exploit televisivo, hanno confermato la tendenza. Clegg avrà dei meriti, come David Cameron,  leader dei conservatori, ha dei demeriti. Non ha saputo amministrare il largo vantaggio che lo aveva ormai portato al numero 10 di Downing Street. Ma erano conti fatti senza l’oste.

Cameron non è il prototipo del conservatore che ci piace. Non è nemmeno il prototipo del politico che apprezziamo: ha un’aria snob che si porta appresso e che tenta di mascherare goffamente in ogni occasione. Ha però fino ad ora svolto il compito di riportare i Tories ad un passo dalla vittoria – per quanto anche in questo caso pesino tredici anni di governo che hanno logorato i laburisti. Cameron non sopporta il patrimonio della Thatcher e si sforza per mettere in luce le modernità del partito, come se la lezione della Lady di Ferro non fosse attuale. A volte è più preoccupato di far notare a tutti che il pollice verde piuttosto che gli attributi per dire chiaro e tondo: taglio la spesa pubblica.

Ma Oltremanica si sta combattendo una nuova battaglia per l’Inghilterra. Il Paese di re e regine, di Shakespeare, del piede destro di David Beckham,  di Web Ellis, inventore del rugby, di Sir Winston Churchill, dei Beatles e del Brit pop ha deragliato in modo preoccupante: si è ritrovato con i terroristi islamici fatti in casa, ha fatto i conti con la legge del Londonistan, ha affrontato i costi della crisi finanziaria, ha dovuto difendere i pub dalla marmaglia salutista, ha visto diminuire il consumo di birra e salire i rimborsi spese per i suoi parlamentari.

Nick Clegg, come scrive giustamente lo Spectator, per l’opinione pubblica media simbolizza al momento il cosiddetto “blowing a rasperry”: una pernacchia di protesta. Non è la soluzione, inciucia con Brown per accaparrarsi il diritto di dire: io sono al governo, dettando i termini per una coalizione. Per quanto il suo conservatorismo sia smorto e a volte addirittura veltroniano, Cameron è pur sempre un Torie. E dunque diciamolo una volta per tutte: noi il 6 maggio tifiamo per lui.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Tories alla guerra

Altro giro, altra corsa: sulle frequenze di Sky News va di scena stasera il secondo dibattito tra i tre leader inglesi alle prese con una delle campagne elettorali più emozionanti – perché meno scontate – degli ultimi anni. Il tema centrale del confronto sarà la politica estera, che scalda i cuori dell’opinione pubblica britannica alle prese soprattutto con i soldati sul fronte afgano. Per David Cameron è l’occasione di riprendere il controllo del timone in vista dell’ultimo faccia a faccia televisivo ospitato dalla BBC prima delle elezioni del 6 maggio, che tratterà di economia, big issue della tornata elettorale.

Il nemico dei Tories non è solo il Labour Party, ma anche Nick Clegg: il candidato dei liberaldemocratici che colpevolmente Cameron non ha voluto prendere in considerazione, ritrovandoselo poi alle spalle negli ultimi sondaggi. Clegg per molti commentatori senza fantasia è già diventato il nuovo Obama o, meglio, l’Obama d’Europa. Intanto deve fare i conti con un articolo del Daily Telegraph che gli fa le pulci su certi finanziamenti illeciti ricevuti nel 2006. Il Telegraph è lo stesso quotidiano che per primo fece traballare i corridoi del potere londinesi per lo scandalo sui rimborsi parlamentari.

La cannonata è stata sparata: ora tocca a Cameron dimostrare di avere il coraggio per guidare la fanteria sul campo di battaglia.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Ain’t no sunshine

Altra settimana travagliata all’orizzonte per i Tories di David Cameron – e per i laburisti di Gordon Brown che però, per sottile paradosso, hanno più possibilità di restare al governo: secondo un sondaggio YouGov/The Sun, i liberaldemocratici di Nick Clegg al momento sarebbero addirittura il partito in cima alle preferenze dei britannici con un sorprendente 33%. Seguono i conservatori al 32, chiudono i laburisti al 26. Ma non avendo nessuno dei tre partiti la maggioranza assoluta, alla fine il peso del Labour Party è quello che conterebbe maggiormente, se le cose finissero in questo modo.

Il balzo in avanti di Clegg è il frutto della buona impressione che ha fatto nel corso del primo dibattito televisivo su ITV. Il 22 si replica, su Sky News, e si parlerà di politica estera: un tema che può influenzare visto il dibattito in Gran Bretagna sulla permanenza delle truppe in Afghanistan, dopo un’estate di sangue per la Royal Army. Forse Cameron comincerà ad offrire qualcosa di concreto. Forse.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

E se Brown rimanesse al Numero 10?

Mentre Nick Clegg viene incoronato vincitore del primo dibattito televisivo di questa campagna elettorale (il fatto che fosse con Cameron e Brown a spartirsi la scena è di per sé una vittoria, i conti veri si faranno il 6 maggio), in Gran Bretagna dietro le quinte ci sono costituzionalisti alle prese con un dilemma non da poco: e dovesse davvero uscirne un Parlamento senza una maggioranza assoluta, chi comanda? La risposta più logica sarebbe: il leader con la maggioranza relativa. Che non sarebbe Cameron, quanto Gordon Brown, attuale Primo ministro, che ai suoi da tempo ha confidato l’ipotesi di stringere un patto con i Lib Dem.

Dalla sua ci sarebbe il lavoro dei civil servants, uno staff di membri indipendenti che stanno vagliando diverse ipotesi e che agiscono in base al principio di salvaguardia economica. Data la situazione finanziaria del regno che richiede un comandante in capo, Brown pur perdendo di pochi voti rimarrebbe al suo posto a Downing Street. Le leggi britanniche a riguardo sono piuttosto complesse, ma anche tremendamente semplici: se la regina ritenesse improprio bandire una seconda tornata elettorale che danneggerebbe l’economia dello stato, davvero lo scozzese avrebbe buona chance di continuare nel suo mandato di capo del governo.

Intanto le consultazioni per formare una maggioranza assoluta potrebbero durare fino a 18 giorni, durante i quale sarebbe sempre Brown a reggere il timone del governo. A patto che Cameron non riesca nell’impresa di garantire i numeri sufficienti per riportare un mezzo conservatore al numero 10 di Downing Street.

Lascia un commento

Archiviato in Politica