Archivi del mese: novembre 2009

Profumo di frontiera

L’articolo di Stefano Pistolini per il Foglio sul libro di Sarah Palin, che questo blog aveva già definito donna di frontiera.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Memoria corta

Gira voce che i finiani abbiano sullo stomaco il documento uscito dall’ufficio di presidenza di ieri sera del Popolo della libertà. Silvio Berlusconi ha dettato delle condizioni (chi non concorda, può anche andarsene), ribadendo il concetto di disciplina di partito.

Ma di che si lamentano lor signori? Si sono già scordati degli anni di Gianfranco Fini a capo di Alleanza nazionale?

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Presidente, sveglia!

Una volta tanto, dati i precedenti, Gianfranco Fini se n’è uscito con un’affermazione che dovrebbe far ragionare attentamente sia Silvio Berlusconi sia tutta la maggioranza: il processo breve non è la riforma della giustizia. Vero, sacrosanto: perché non basta una legge che preveda due anni per ogni grado di giudizio di fronte reati che comportano pene fino ai dieci anni, piuttosto occorre ribaltare molto altro. E dato che la guerra con l’Anm è cominciata, tanto vale portarla avanti. Purtroppo quella battuta di Fini è caduta nel silenzio, soffocata dalle risse Tremonti – Brunetta e dai guai privati del presidente del Consiglio. Il Cavaliere, dalla sua, avrebbe detto nel corso del vertice di presidenza del Pdl che è in atto una persecuzione giudiziaria che potrebbe portare addirittura alla guerra civile. L’ufficio stampa del partito ha prontamente negato, ma il senso rimane, anche senza quella guerra civile tra i piedi.

L’immobilità dell’esecutivo è, d’altra parte, imbarazzante: questa mattina, intervenendo su La 7, l’abile direttore di Italia Oggi, Pierluigi Magnaschi, ha ricordato come in tempi di crisi le aziende per campare abbiano eliminato le spese inutili, mentre questo governo non lo ha fatto. Il riferimento era soprattutto all’abolizione delle Province e di tutti gli enti che rendono il nostro Paese burocratico, lento, vecchio. A parte la riforma dell’istruzione, dalla scuola all’università, non si registra molto altro di significativo.

L’ennesima chance arriva, guarda caso, dalla giustizia che non deve essere vista solo come un’occasione per permettere ad un capo di governo di svolgere il suo lavoro, ma anche come la possibilità di dare uno scossone ad un sistema che interessa la vita dei cittadini nel profondo, ogni giorno. Quindi facciano pure questo processo breve, ma non si limitino a quello.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Lezione all’inglese

Il Fatto targato Travaglio ha scovato una fonte di spessore per parlare male di Silvio Berlusconi: The Economist, il settimanale britannico che non ha mai nascosto una certa antipatia per il Cavaliere. Il quotidiano manettaro ospita un’intervista a David Lane, definito “occhio ‘neutro’ sul nostro paese”. Bastano due battute per rendersene conto:

Bè, “Il Divo” non è l’unico caso…
No. Vogliamo “toccare” Silvio Berlusconi? Mi spiega in quale altro paese democratico un primo ministro può rifiutarsi di rispondere alla magistratura? Le rispondo io: nessuno.

Cosa sarebbe avvenuto in Inghilterra?
Escluso, politicamente finito. Gli sarebbero state imposte le dimissioni, a lui e a quelli come lui. Compreso Schifani.

Un esempio?

1963: John Dennis Profumo (di origini italiane, ndr) si dimette dall’incarico di segretario di Stato alla guerra, per le bugie su una sua relazione con una showgirl, sentimentalmente coinvolta anche con un funzionario dell’ambasciata sovietica.

A essere precisi, Lane si dimentica di aggiungere nell’affare Profumo comparivano spie, spionaggio e controspionaggio, talpe inglesi che informavano il Cremlino. Insomma: Profumo era un segretario alla Guerra ricattabile. Lo è anche Berlusconi? Al massimo potrebbe essere preso in giro per le sue abilità amatorie. Ma stando ad ascoltare le registrazioni della signora D’Addario, pare che il Cav. abbia fatto un gran figurone.

Ci sa tanto di invidia tutto questo…

Lascia un commento

Archiviato in (new)media, Politica

Via 50mila poltrone, ma nessuno ne parla

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera al disegno di legge che prevede il taglio di 50mila poltrone tra gli enti locali. E’ una notizia di cui nessuno ne parla. Forse perché opera della Lega. O forse perché nella maggioranza hanno fatto di tutto per spostare l’attenzione su altro.

(Adn-Kronos) Il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli, annuncia che il Consiglio dei ministri, oggi, ha approvato in via definitiva il disegno di legge di riforma degli organi e delle funzioni degli enti locali, di semplificazione e razionalizzazione dell’ordinamento e la Carta delle autonomie locali, già approvato in via preliminare nella seduta dello scorso 15 luglio. «Questa riforma – spiega Calderoli – era attesa da almeno tre legislature, ovvero dal varo della modifica del Titolo V. Con il cosiddetto Codice delle Autonomie, infatti, andiamo finalmente a definire le funzioni delle Autonomie locali, stabilendo chi fa che cosa, e ad eliminare migliaia di enti dannosi, con consistenti risparmi di spese per la macchina pubblica e un complessivo snellimento delle strutture amministrative». «Si tratta – prosegue Calderoli – di un altro importante risultato ottenuto in tempi brevissimi da questo governo, che alle chiacchiere preferisce i fatti».

«Con l’approvazione di questo fondamentale provvedimento, che razionalizza il mondo degli enti territoriali, proseguiamo così nel percorso riformista avviato con il via libera, avvenuto lo scorso aprile, del federalismo fiscale», sottolinea Calderoli. Il disegno di legge, in attuazione del titolo V della Costituzione e in linea con l’autonomia finanziaria e tributaria prevista dal federalismo fiscale, individua in maniera puntuale e disciplina le funzioni fondamentali di comuni, province e città metropolitane. Inoltre, razionalizza e riordina, anche al fine del contenimento della spesa pubblica e della riduzione degli assetti organizzativi delle amministrazioni statali, gli uffici periferici dello Stato e il sistema dei controlli interni. Prevede, inoltre, lo snellimento dell’apparato amministrativo locale mediante una complessiva rivisitazione dell’impianto degli enti territoriali ed una drastica riduzione che porterà al taglio di circa 34mila tra consiglieri comunali, circoscrizionali e provinciali e di circa 15 mila assessori comunali e provinciali. «In tutto -conclude il ministro leghista- quasi 50mila poltrone in meno».

1 Commento

Archiviato in Politica

Queen’s Speech: The Tradition

A Londra si celebra un momento particolare della vita politica, il discorso del sovrano al Parlamento riunito in seduta comune. Si inaugura così ufficialmente il nuovo anno legislativo che, nell’occasione, sarà fondamentale in vista delle prossime elezioni dove si affronteranno da una parte Gordon Brown (per non far affondare il Labour Party), dall’altra David Cameron (per sancire definitivamente il ritorno dei Tories).

Forma, formule, formalità: qui alcune curiosità. Interessante notare come ci si adoperi perché la residenza del re o della regina non venga presa in ostaggio durante la sua assenza. Se non ci sbagliamo, negli Stati Uniti esiste un procedimento simile: mentre il Presidente è al Congresso per il Discorso sull’Unione, un segretario del suo governo viene sorteggiato perché rimanga alla White House, pronto a prendere il comando se il Commander in Chief dovesse cadere vittima di un attentato.

Particolari che dicono molto.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Capolinea?

Strano Paese, l’Italia. Un posto dove tutti chiedono a grande voce una rivoluzione che rigiri come un calzino un sistema grigio, arrugginito e compassato.

Poi succede che qualcuno ci provi anche, rivoluzionando il modo di fare politica e di presentarsi agli occhi dell’opinione pubblica. Dal niente, organizza un movimento che diventa partito di governo e per poi ritrovarsi all’opposizione. E quindi di nuovo al governo. Quindici anni vissuti intensamente, ma senza rivoluzioni.

Perché in Italia, evidentemente, le rivoluzioni sono destinati a fallire in partenza: il sistema non lo consente, da troppo tempo questo Stato funziona in un modo troppo suo e nessuno ha dimostrato il coraggio necessario per andare oltre.

Troppi interessi, forse, perché tutto rimanga com’è. Ci sono infine troppi figliol mezzi prodighi, all’erta per eliminare i padrini che li hanno svezzati e sdoganati. Un giorno si volteranno indietro e capiranno gli errori. Ma non sarà troppo tardi?

Ma quali rivoluzioni? E’ già un evento riuscire a stare in galla dopo tutto, nonostante tutto. Saremo mica arrivati al definitivo capolinea?

Dall’altra parte della barricata, non va meglio: “Non accettiamo lezioni di antiberlusconismo da nessuno”, ha risposto Pierluigi Bersani, segretario del Pd, ad Antonio Di Pietro. Ecco: nessun programma, solo livori. E poi si vorrebbero fare le rivoluzioni…

Lascia un commento

Archiviato in Politica