Archivi tag: me

Nulle le nozze in Chiesa se marito e moglie fanno sesso protetto

Nozze gay e confine tra legge canonica e statale: la Corte di Cassazione di Roma è nuovamente al centro di polemiche dopo la sentenza 814 di ieri che ha annullato un matrimonio concordatario di una coppia della capitale. Infatti Secondo i giudici della prima Sezione civile, i coniugi che fanno sesso protetto corrono il rischio di vedersi annullate le nozze, anche se le misure precauzionali vengono prese per tutelare la salute della moglie e del nascituro di fronte ad una malattia trasmissibile del marito.
I protagonisti della vicenda sono Elisabetta T. e Fabio N., convolati nel 1992 a nozze, poi sciolte nel 1999 con tanto di imprimatur nel 2003 della Segnatura Apostolica, dicastero della Curia di Roma che si occupa anche di cause matrimoniali. Fabio aveva avviato le pratiche davanti ai giudici vaticani sostenendo l’invalidità del “sì”, dal momento che entrambi avevano concordato di non avere bambini. Una scelta presa di fronte alla malattia di cui soffre il marito, la “sindrome di Reiter”, un’infiammazione ad articolazioni, occhi e organi genitali che è sessualmente trasmissibile. Può essere curata nel giro di 3-4 mesi, ma Fabio ha preferito cancellare tutto. Secondo il diritto canonico, la consumazione di rapporti protetti che escludono la procreazione, fa venire meno il legame matrimoniale, come se non fosse mai stato celebrato.
A questo punto è partita la difesa di Elisabetta, destinata a non ricevere un aiuto economico da Fabio. Tramite il suo avvocato Ettore Travarelli ha impugnato la decisione della Corte di Appello di Roma che nel frattempo aveva ratificato, nel 2005, l’annullamento. Il legale della donna in Cassazione ha puntato sul fatto che lo Stato non può accettare tale provvedimento per contrasto con i principi dell’ordine pubblico, tra i quali compare quello della salute, da tutelare come valore in generale: i coniugi facevano sesso sicuro per il semplice fatto che in questo modo Elisabetta non rischiava di contrarre la malattia del marito. Argomento troppo debole per gli uomini in ermellino che hanno replicato: «La nullità di un matrimonio concordatario per esclusione della prole, quando tale intenzione sia accettata da entrambi i coniugi, non trova ostacolo sotto il profilo dell’ordine pubblico, nella circostanza che la legge statale non include la procreazione tra i doveri scaturenti dal vincolo matrimoniale». Un’ammissione, quest’ultima, che ha acceso la miccia. Perché se dunque è vero che la legge italiana non include la procreazione come vincolo matrimoniale, «la Cassazione apre un grande portone al riconoscimento dei matrimoni gay». È la provocazione dell’avvocato matrimonialista milanese Annamaria Bernardini De Pace che non ha risparmiato critiche: «La Cassazione cade in grande contraddizione perché rattifica la decisione della Chiesa che ritiene indispensabile la procreazione all’interno delle nozze». Un’occasione persa per “prendere le distanze” dal Vaticano, lo stesso che «ha dichiarato di non volere recepire le nostre leggi». Insistendo su questa linea, l’avvocato ha sottolineato che «nella Costituzione si parla di coniugi, non di moglie e marito».
Nel merito è entrata anche l’Associazione matrimonialisti italiani, che ha chiesto «maggiori tutele» per la donna che decide di «non procreare figli al fine di non sottoporli al rischio concreto di gravi patologie genetiche»: il presidente nazionale, Gian Ettore Gassani, ha ricordato ai giudici italiani che «quando sono chiamati alla deliberazione di una sentenza straniera» com’è quella ecclesiastica «devono verificare se e quanto i principi di questa sentenza siano compatibili con l’ordine pubblico ed i principi dell’ordinamento italiano».

Dario Mazzocchi, Libero del 17 gennaio 2009, pag. 15

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in (new)media, attualità

Parole al vento

Arriva la neve e così sia. Poi chissà se mai scenderà sul serio. Perché è sempre tutto un’attesa continua. E nel frattempo la gente perde la testa e non si ferma più. Rimane poi di stucco quando qualcosa succede, perché mica avevo messo in conto che quel qualcosa potesse avverarsi sul serio.

Oggi la gente è più che mai incazzata e per nasconderlo a se stessa, se la prende con tutti gli altri. Gioca allo scarica barile, non si convince che forse è il caso di mettersi di fronte ad un vero specchio e porsi delle domande per trovare la risposta. No, oggi non è così. Che poi magari così non è mai stato. Però, a differenza di qualche tempo fa, è la fiducia che è venuta a mancare. La gente non si fida più. Avrà pure le sue ragioni, ma ha anche, eccome se ne ha, le sue colpe. Chi presta un aiuto, chi allunga la mano finisce per essere visto con occhi diversi da quelli che si mostravano quando quell’aiuto lo si era ricevuto con un sorriso o quella mano la si era presa con gusto, piacere e soddisfazione.

A rimanerci fregato è sempre quello che è convinto che le cose, sotto sotto, possano andare diversamente. Che poi indossa pure lui l’abito del cinico, ma non fino in fondo. Anzi, aspetta solo il segnale per potersi levare di dosso ciò che non gli calza bene e tornare a mostrare quello che è sempre stato. La fiducia che qualcosa possa cambiare. Peccato che poi è una fiducia effimera. E il vento che annuncia l’arrivo della neve mostra la realtà per come è.

E buona notte al secchio se uno ha in mente di tornare a sistemare le cose e a fare un passo indietro o in avanti, a stare nuovamente ad ascoltare e voler riconcedere quella fiducia. No, mica si fanno sconti agli ingenui in questo mondo.

Lascia un commento

Archiviato in Life

Mondopiccolo va alla Casa Bianca

O almeno ci prova.

1 Commento

Archiviato in (new)media, Politica

Forse è così

Ho sempre rifiutato di essere compreso. Essere compreso significa prostituirsi. Preferisco essere preso seriamente per quello che non sono, ignorato umanamente, con decenza e naturalezza.
Non sono niente. Non sarò mai niente. Non posso volere essere niente.
A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo.

Fernando Pessoa

1 Commento

Archiviato in Cultura, Life

Sono pure biografo

O almeno così credono in questo blog. La cosa fa molto piacere. Soprattutto perché si tratta della mia mini biografia di Giovannino.

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, Giovannino Guareschi

Comunicazione di servizio

Per quanto il tempo è quello che è, ormai l’estate giunge. Così questo blog va in ferie. In che senso? Nel senso che sarà aggiornato a rilento, come già annunciato qualche giorno fa. I casi scottanti li affronteremo qui – di solito, prima delle vacanze, la classe politica italiana dà il meglio di sé. Rimaniamo attivi qui e qui. Soprattutto lì, nel ridere un po’ di questo pazzo pazzo mondo.

1 Commento

Archiviato in (new)media

Diversity

C’è un gruppo su Facebook che si chiama “Quelli che sono nati a nord del Po”. Bello. Soprattutto per chi è nato sotto il Po, ma è uno del nord one-hundred-per-cent. La Val Padana è immensa, Milano nemmeno ne fa parte, è un po’ troppo su. Si è nordisti anche se nati sotto il Po, che ne so, a Piacenza magari. O anche a Reggio Emilia. Si suda nei campi, si costruiscono fabbriche e si mandano avanti aziende allo stesso dei meneghini. Va da sé che Milano è certamente la capitale del Nord, ma non può essere la capitale di tutti quelli che stanno a Nord.

Sapessero lor signori cosa si perdono a voler stare così lontani dal Po.

1 Commento

Archiviato in attualità, Cultura