La secessione scozzese conviene a Londra

Alex Salmond, leader dello Scottish National Party, è uno dei vincitori della scorsa tornata elettorale del 5 maggio. Con i suoi 69 seggi conquistati, può portare avanti con fierezza la sua battaglia per ottenere l’indipendenza della Scozia. Di fronte alla possibilità di un referendum per la secessione, il premier David Cameron si è detto disposto a tutto per mantenere l’unità del Paese. Eppure, fatti alcuni conti, non gli converrebbe: Edinburgo costa caro, alla Gran Bretagna. Più o meno 11 miliardi di sterline all’anno. Se la Scozia dice addio, per Londra potrebbe essere perfino un sollievo.

(continua su Linkiesta.it)

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...