Nel pallone

Sono i Mondiali della crisi e se non ci credete, date un’occhiata ai moduli delle squadre. Vanno di moda il 4-2-3-1, il 4-3-2-1 e il 4-2-2-2. O almeno così la Gazzetta dello Sport dispone in campo il Brasile di Dunga. Un numero imprecisato di trequartisti o mezze punte, palliativi per regalare qualche falsa emozione in assenza di attaccanti veri e propri.

Il bel gioco latita, a centrocampo la gente si pesta i piedi e si smarrisce in una serie infinita di passaggi contro muri difensivi di sei – sette uomini. A quel punto si tenta la conclusione da fuori, una botta dalla distanza che deve fare i conti con un pallone che va dove meglio crede e intanto fallisce il tentativo di coniugare il palleggio del Barcellona al modus operandi di José Mourinho: pure il ct del Camerun ha schierato Eto’o come terzino destro nel match di esordio con il Giappone, perso 1-0.

Prendete poi la Francia che è arrivata in Sud Africa grazie al colpo di mano di Henry: come al solito sbruffona, anche nel gestire l’affare Anelka – Domenech pubblicamente. Da quando Sarkozy ha perso la testa per Carla Bruni, Oltralpe ne succedono di tutti i colori. L’Inghilterra di Capello è annoiata e per niente pop come il governo libdem uscito dalle elezioni di un mese fa che David Cameron ha gettato alle ortiche. L’Italia è casinara come la sua capitale sudamericana, Roma, dove il sacro si mescola al profano e quello che capita nel resto del Paese è solo un’eco lontana. Gli Stati Uniti pareggiano, ma per i media vincono: è tipo Obama, che sbaglia, “ma non per colpa sua”. La Spagna ha addirittura perso al debutto con la Svizzera e ogni commento geopolitico è superfluo.

In attesa di tornare agli schemi classici (4-4-2, gioco sulle fasce, terzini che si sovrappongono, centrocampisti che coprono il campo, il fantasista che detta e le punte che eseguono, punto-e-basta, tutto il resto è noia), attendiamo impazienti la B Zona di Oronzo Canà.

Lascia un commento

Archiviato in attualità, Sport

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...