Traditi, due volte

La prima volta furono i partigiani comunisti che li uccisero tramite un’esecuzione esemplare, nel senso che resero ben chiara quale fosse la loro idea di liberazione: eliminare non solo i fascisti, ma pure tutti gli altri nemici con l’aiuto delle forze titine che si muovevano sul confine.

Ora tocca al ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi, che nel decreto che istituisce la malga di Porzus “bene di interesse nazionale”, definisce “controversa” la vicenda dei 17 morti appartenenti alla brigata Osoppo, di ispirazione cattolica, per mano dei gruppi gappisti guidati dal comandante Giacca, al secolo Mario Toffanin.

Era il 7 febbraio 1945, la guerra civile italiana attraversava uno dei momenti più cruenti e dolorosi. Ma quella di Porzus non fu una vicenda “controversa”. E tanto meno lo fu la sentenza. Fu odio politico. E peggio dell’odio, a 65 anni di distanza, c’è solo l’oblio.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Cultura, Politica

2 risposte a “Traditi, due volte

  1. romain

    io non so perchè l’ineffabile ministro Bondi abbia detto quella cavolata calunniosa (Porzus “controversa vicenda”, quando invece è ormai chiarissima). Delle due l’una, ma in entrambi i casi il Bondi è inescusabile: o Bondi, quale ex comunista, è stato educato da compagno in quella falsa credenza che poi è rimasta (olim abbas, semper abbas); oppure, non se ne sia accorto e/o non abbia controllato.

    • d.ma.

      Credo che sia ancora più semplice: bastava fare bene i compiti a casa – lui, quelli del ministero, consulenti. Tutta questa gente, insomma. Altrimenti che ci stanno a fare? Giusto, che ci stanno a fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...