Caccia al bianco in Sudafrica: in quindici anni uccisi 3.000 agricoltori dai razzisti neri

Il governo sudafricano non ha ancora digerito l’asilo politico che il Canada ha concesso agli inizi di settembre a Brandon Huntley, 31enne bianco originario di Città del Capo, vittima di attacchi razzisti da parte di connazionali neri. Decisione che potrebbe rivelarsi un precedente scomodo per la classe dirigente del Sud Africa, guidata dall’African National Congress, il partito di Nelson Mandela di ispirazione socialcomunista, oggi presieduto da Jacob Zuma, capo di Stato nero nella cui fedina penale compare anche uno stupro nei confronti di una donna malata di Aids.

La difesa

«È tutto falso», continuano a commentare dal governo, ma i numeri smentiscono. Dal 1994, anno dell’abolizione dell’apartheid, ad oggi sono all’incirca 2.500 gli allevatori di origine bianca rimasti vittime delle violenze di criminali di colore. La cifra è confermata dalla commissione per i Diritti civili del Sud Africa, voluta dallo stesso Mandela nel 1995. In un rapporto reso pubblico lo scorso giugno, si segnala un incremento del 25 per cento dei casi di omicidio nei confronti di bianchi negli ultimi quattro anni, tanto che “Genocide Watch”, una organizzazione internazionale con base negli Usa, ha esplicitamente parlato di genocidio a danno dei boeri, il termine olandese per indicare i farmers, gli allevatori che nel corso del 18° secolo colonizzarono parte della regione.

Le vittime ufficiali

Nel Paese, le associazioni boere che si occupano di denunciare i casi di violenza nei loro confronti si muovono soprattutto tramite internet, dovendo fare i conti con il muro di silenzio delle istituzioni. Dalle testimonianze raccolte, le vittime ufficiali aggiornate al 2 maggio scorso sarebbero addirittura 3.047. Oltre al danno, la beffa: lunedì la commissione di Pubblica sicurezza ha reso noto che più di 200 funzionari della pubblica amministrazione sono colpevoli di diversi reati che vanno dalla guida in stato di ubriachezza alla corruzione. Il radioso futuro per lo stato dell’arcobaleno, tante volte promesso dal partito di Mandela, è ancora ben lontano dal rivelarsi una realtà.

Dario Mazzocchi

© Libero

About these ads

11 commenti

Archiviato in attualità

11 risposte a “Caccia al bianco in Sudafrica: in quindici anni uccisi 3.000 agricoltori dai razzisti neri

  1. Anthraxxxx

    Peccato per queste storie, è un paese meraviglioso. Però alla fin fine sono quasi sempre i contrasti inter raziali a farlo finire sulla ribalta dei media. Io comunque sto programmando un altro viaggio da quelle parti per i mondiali di calcio, so che la questione della sicurezza è importante, ma so anche, per certo, che la situazionbe non è così drammatica come potrebbe sembrare. In ogni caso è un paese ricco di contraddizioni, economiche e sociali, ma molto molto bello. Vi segnalo un sito che parla delle cose belle del Sud Africa

    http://www.haisentitoche.com/

  2. l'autonomo

    come dice la lega,tornatevene a casa vostra boeri extracomunitari ladri.Ognuno è padrone a casa sua.

  3. bruno

    E organizzare anche qui da noi una bella caccia agli imbecilli razzisti?

  4. Hellen Zillie

    A: l’autonomo.
    Prima di sparare sentenze che ti vengono unicamente dallo stomaco forse dovresti approfondire le tue nozioni di storia Sudafricana .

  5. Indomito Disturbo

    Ripassare un po’ di storia sudafricana può essere utile per chi parla per dare aria alla bocca. I boeri vivono in terra sudafricana dal 1600 circa, mentre tante popolazioni nere vi sono arrivate molto dopo (vi erano le tribù di zulu con cui i boeri strinsero rapporti amichevoli). I boeri hanno costruito dal nulla una civiltà e uno stato in quella terra, NON una colonia, uno stato indipendente con lingua propria. E ad oggi tutto ciò gli viene tolto, in nome dell’antirazzismo (che ipocrisia).

    • nicola

      Anche a distanza di tanto tempo vorrei dire la mia ho trovato solo per caso tanto per cominciare premetto che aborro qualsiasi violenza da parte di chiunque che sia fisica,psicologica,ecc. A colui che si firma Indomito Disturbo dico che non é vero quello che afferma perché tanto per cominciare il termine Apartheid venne usato per la prima volta nel 1917 ma venne decretato come sistema legislativo compiuto nel 1948 e che il vero “architetto dell’Apartheid” fu Hendrik Frensh Wervoerd che fu in carica dal 1958 al 1966 fino a quando venne assassinato.Ricordo che c’erano due tipi di bianchi,quelli di origine sia olandese che di origine inglese mentre i meticci erano l’80% e gli Afrikaner erano di origine Olandese,costituivano la maggioranza della popolazione bianca e sono sempre stati,la maggior parte di essi,d’accordo ad una politica razzista. E molte politiche di tale governo fece leggi assurde come l’impossibilita’ di matrimoni interraziali,usare addirittura gli stessi bus o servizi pubblici,marciapiedi,ecc. rapporti sessuali con una persona di razza diversa diventava un reato penale,ecc. In realta’ furono i boeri a cominciare, di origine olandese (NON sto dicendo che tutti gli olandesi siano razzisti) ma i coloni inglesi furono molto meno aggressivi nei confronti degli indigeni (che sono sempre stati li e sono stati i colonialisti bianchi a defraudarli delle risorse del loro territorio,forse tu obietterai che il colonialismo c’e’ tutt’oggi e che c’era anche allora,si é vero ma non mi venire a dire che i boeri siano stati una civilta’ accogliente nei confronti dei nativi perché é una SONORA BUGIA) e sono arrivati a bollare come “comunista” ogni movimento politico che si opponeva al governo sudafricano durante l’apartheid.E ricordo che durante la seconda guerra mondiale molti afrikaners simpatizzavano per hitler,inoltre ricordo che, una volta che hanno dato pari dignita’ sociale ai bianchi ed ai neri,pur rifiutando ogni sorta di violenza,dopo secoli di violenze,soprusi, processi sommari capisco perché coi bianchi si siano incazzati e magari dopo centinaia di anni avevano qualcosa da fargli ringoiare,percui caso mai rileggiti te la storia del Sud Africa.

  6. nicola

    Ho solo riscritto qui questo messaggio perché ho sbagliato a postare la mia email e vorrei essere informato tante volte si parlasse di tali argomenti.

  7. nicola

    Anche a distanza di tanto tempo vorrei dire la mia ho trovato solo per caso tanto per cominciare premetto che aborro qualsiasi violenza da parte di chiunque che sia fisica,psicologica,ecc. A colui che si firma Indomito Disturbo dico che non é vero quello che afferma perché tanto per cominciare il termine Apartheid venne usato per la prima volta nel 1917 ma venne decretato come sistema legislativo compiuto nel 1948 e che il vero “architetto dell’Apartheid” fu Hendrik Frensh Wervoerd che fu in carica dal 1958 al 1966 fino a quando venne assassinato.Ricordo che c’erano due tipi di bianchi,quelli di origine sia olandese che di origine inglese mentre i meticci erano l’80% e gli Afrikaner erano di origine Olandese,costituivano la maggioranza della popolazione bianca e sono sempre stati,la maggior parte di essi,d’accordo ad una politica razzista. E molte politiche di tale governo fece leggi assurde come l’impossibilita’ di matrimoni interraziali,usare addirittura gli stessi bus o servizi pubblici,marciapiedi,ecc. rapporti sessuali con una persona di razza diversa diventava un reato penale,ecc. In realta’ furono i boeri a cominciare, di origine olandese (NON sto dicendo che tutti gli olandesi siano razzisti) ma i coloni inglesi furono molto meno aggressivi nei confronti degli indigeni (che sono sempre stati li e sono stati i colonialisti bianchi a defraudarli delle risorse del loro territorio,forse tu obietterai che il colonialismo c’e’ tutt’oggi e che c’era anche allora,si é vero ma non mi venire a dire che i boeri siano stati una civilta’ accogliente nei confronti dei nativi perché é una SONORA BUGIA) e sono arrivati a bollare come “comunista” ogni movimento politico che si opponeva al governo sudafricano durante l’apartheid.E ricordo che durante la seconda guerra mondiale molti afrikaners simpatizzavano per hitler,inoltre ricordo che, una volta che hanno dato pari dignita’ sociale ai bianchi ed ai neri,pur rifiutando ogni sorta di violenza,dopo secoli di violenze,soprusi, processi sommari capisco perché coi bianchi si siano incazzati e magari dopo centinaia di anni avevano qualcosa da fargli ringoiare,percui caso mai rileggiti te la storia del Sud Africa.Eccolo postato con la mia vera email chiedo scusa per averlo ripubblicato

  8. Hi there colleagues, how is all, and what you would like to say regarding this post, in my view its actually amazing designed for me.

  9. These are genuinely impressive ideas in concerning blogging.
    You have touched some fastidious things here. Any way keep up wrinting.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...