Scusate, ma qui non si applaude

E’ un tripudio di commenti euforici per il discorso di Silvio Berlusconi a Onna in occasione delle celebrazioni del 25 aprile. Io non applaudo, perché a me non pare questo discorso storico di cui tutti parlano. Che quella del Cavaliere sia stata una genialata non ci piove, al punto che ha costretto Dario Franceschini a contraddire il presidente della Repubblica sul senso di pietà nei confronti dei soldati della Rsi.

Ecco, appunto, i soldati della Rsi. I partigiani da queste parti non sono mai stati glorificati per diversi motivi: non sono stati determinanti per la liberazione dell’Italia; si sono macchiati di omici assurdi una volta firmata la resa in tutto il Paese; sono diventati proprietà dell’ideologia sinistrosa che ha cancellato il valore dei partigiani cattolici, repubblicani, monarchici e azionisti. Non venendo ricordati questi, non ci sprechiamo a ricordare quelli delle cosiddette compagnie Garibaldi.

Eppure è giusto rendere loro il nostro tributo perché loro hanno dato la vita. Come per noi hanno dato la vita i repubblichini. Che credevano in un’altra Italia, in un altro ideale che era indicato in quelle tre parole: Repubblica sociale italiana. Da queste parti non siamo nemmeno fascisti e facciamo espressioni dubbie quando il centrodestra si fa prendere la mano dalle correnti sociali – ed ecco perché anche il discorso di Fini alla convention del Pdl non aveva riscosso grandi favori in questo mondopiccolo. Ma arrivare a dire che occorre pietà per i repubblichini, si compie un passo indietro.

Ci sono voluti anni per riuscire a far ammettere che dal 1943 al 1945 in Italia si era consumata una Guerra civile. Con le espressioni di ieri, usate pure dal presidente del Consiglio, alla fine la si è data vinta a chi per anni ci ha fatto una testa così con zuppe congelate di retorica. Le parole del Cav. ci hanno lasciato l’amaro in bocca. Pietà la si prova per gli sfigati e per chi crede di essere il migliore senza esserlo. Pietà si prova per un Franceschini che non sa che pesci pigliare. Non per gli italiani che decisero di stare da una parte solo perché in quella parte vedevano qualcosa che agli altri non piaceva.

La grande coalizione nazionalpopolare a tarallucci e vino, sul 25 aprile, è stata servita. Preferivamo la vecchia versione, lasciando a certa gente il vanto di spacciarsi per eroi senza prenderli in considerazione. Però, alla fine, Berlusconi ha fregato tutti. E almeno questo riusciamo a digerirlo. Ma niente applausi da parte nostra.

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “Scusate, ma qui non si applaude

  1. marco

    Uhmmm… ma nel discorso di SB non c’è traccia della parola “pietà”…

  2. ringo83

    Ma c’è nella dichiarazioni che sono state fatte a corollario di tutta la giornata del 25 aprile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...