Fortuna che c’è un Cristiano

Quando scriveva su Repubblica e prima ancora che raccontasse le cose per come erano veramente, Magdi Allam era elevato ad esempio di islamico moderato. Tutta una manovra per dire che Bush era l’ignorante di turno che non aveva nemmeno la voglia di mettersi a dialogare con il mondo musulmano. E giù anche con il papa, Benedetto XVI in primis, e il resto della faccenda la conosciamo. Poi, per l’appunto, Magdi Allam ha cominciato a scrivere libri, ha elogiato Israele e ha svelato la realtà dei fatti. Che qualcuno ci vuole morti. Un po’ come successo a Mumbai o Bombay che dir si voglia, solamente una settimana fa. E da allore è diventato il cerchio da 100 punti nel tiro al bersaglio. Come giornalista non valeva niente, come opinionista figuriamoci. Poi si è pure convertito e allora apriti cielo: è diventato la barzelletta dei radical-chic di provincia, di casa nostra.

Non si è mica accontentato il diretto interessato: ha pure fondato il suo partito, Protagonisti per l’Europa cristiana, dopo essersi dimesso dalla carica di vicedirettore ad personam del Corriere della sera. E via di nuovo battute del tipo: nel mondo del giornalismo si è liberato un posto. E bravo Magdi, che hai fatto innervosire che prima era pronto a stendere il tappeto rosso sotto i tuoi piedi. Il convertito al cattolicesimo che non ha impiegato mezzi termini per svelare, nuovamente, le contraddizioni dell’Europa, che ha ricordato come la serpe sia stata covata in casa (Londra, luglio 2005). Uno che gira con la scorta e non si copre il volto per non farsi riconoscere, ma è più coraggioso lui di tutti quelli che la bocca se la riempiono solo di belle parole. Ha lanciato una sfida a chi vorrebbe che nemmeno osasse girare per la strada. E non intendiamo quelli che lo vogliono morto, ma i suoi detrattori.

Quelli che se venissero uccisi da un kamikaze o da una bomba sul treno, farebbero di tutto per rimanere in vita fino all’arrivo delle telecamere per dire che “è colpa mia, è solo un caso che si sia fatto saltare quando passavo io per di qua. Lui non ce l’ha mica con me”.

1 Commento

Archiviato in Politica

Una risposta a “Fortuna che c’è un Cristiano

  1. brianoa515

    Io l’ho ascoltato pochi giorni fa, a Roma. E’ stato bello, profondo. Sono d’accordo con Magdi su tutto, anche quando dice che la religione cristiana è Incarnata nella Bibbi, quella islamica Incartata nel Corano. L’unica obiezione che mi sento di fargli è la seguente: c’era davvero bisogno di un altro partito? Ci sono tante, tantissime persone che seguono Magdi e la sua ”scuola” anche senza dover avere la tessera. Per il resto, ha tutto il mio appoggio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...