Nella trappola

I timori non erano infondati. C’è qualcosa di strano in questa aria pre natalizia al governo. Dopo l’estate i conti non tornano, la fortuna è che il Partito democratico non sta bene e al suo interno si va incontro alla notte dei lunghi coltelli tra Veltroni e D’Alema. Il tema del conflitto d’interessi è vecchio quanto la discesa in campo del Cavaliere e da un paio di giorni è tornato a farsi vivo. Di mezzo c’è Sky, ma anche Mediaset. Colpa dell’Iva, nello stesso giorno in cui Berlusconi dice che provvederà il più presto possibile a togliere l’Irap, “una imposta che abbiamo solo noi e che è stata introdotta dalla sinistra”. Speriamo, magari era meglio levare certe cose piuttosto che introdurre una social card.

Ci sono i numeri (quelli in Parlamento), ma non le intenzioni. L’esecutivo e con lui tutta la maggioranza sta perdendo tempo nel rispondere alle provocazioni del centrosinistra. O meglio, nemmeno del centrosinistra. Perché il Pd non parla se non per le beghe in casa. Rifondazione e compagni vari sono letteralmente (e fortunatamente) scomparsi. Rimane solo Antonio Di Pietro, che raccumula voti grazie alla ingenuità del Popolo della libertà. Che non è ancora un partito e, qualora lo diventasse, mostra cedimenti strutturali alla base. Forza Italia si sta trasformando, nelle sue ultime ore di vita, in una sorta di Pci-Dc: la dirigenza, fa tutto la dirigenza. Nemmeno al suo interno si sa cosa sia la meritocrazia. Alleanza nazionale è in stato comatoso e così si finische che un furbo come Chiamparino si mette a corteggiare la Lega. Tanto al governo non si fa altro che discutere di Alitalia, scuola e vigilanza Rai. Ora si perderà pure del tempo prezioso sul conflitto d’interessi.

Il buon Silvio si metta il cuore in pace, eviti di cadere nella trappola e torni a fare il suo mestiere, quello di presidente del Consiglio: ci sono leggi da fare, riforme da attuare e un Paese da mandare avanti. Per le beghe di cortile c’è sempre tempo. Che poi è solo una perdita di tempo.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...