Teste vuote

Il buon Walter sta bene dove sta. Vale a dire al posto di segretario del Pd, con tutti quelli che hanno deciso di andarlo a trovare al Circo Massimo a Roma. Lui sì che è una icona, un simbolo, piantato là in mezzo alla fiumana di gente. Come un Barack Obama qualunque, giusto per rendere meglio l’idea. Il buon Walter sta bene dove sta perché la sua posizione, in un solo pomeriggio, ha riassunto l’intera settimana di proteste studentesche contro il decreto Gelmini. O meglio, contro la riforma della scuola. Che sia una piazza, una strada, una stazione – magari quella di Cadorna a Milano -, o un circo – ma non quello Massimo -, ovunque tranne che a fare il proprio dovere. Gli studenti a studiare, Veltroni a starsene zitto.

Perché la solfa è sempre la stessa. La destra di qui, la destra di là. La crisi finanziaria: è mondiale, ma è colpa della destra ultraliberista che ora si scopre socialista. Non ci sono soldi: colpa della destra, che ha levato l’Ici e spremuto i poveri. Il mondo non gira: è a causa della destra, isolazionista, che odia l’Europa collettiva. In soli sei mesi di governo, Berlusconi ha fatto tutto questo. Il Cavaliere, a quanto pare, ha lavorato sodo. Magari male, stando alle parole del leader del Pd, ma ha lavorato.

Veltroni è invece uscito dal letargo, ma chi credeva che fosse alle prese con i libri, si è sbagliato di grosso, perché ha ripetuto le stesse parole della campagna elettorale e non si è applicato abbastanza da proporre una ricetta. Che delusione! Non era mica lui quello di “I care”? Io mi preoccupo? Di che si è preoccupato? Di svernare prima ancora che arrivasse la brutta stagione?

Tornando seri per un attimo, gli ultimi sette giorni davvero sono stati emblematici. Gli universitari, accompagnati dai professori, hanno manifestato il loro dissenso da un decreto che non li riguarda, ma forse non lo hanno ancora ben capito. E hanno mostrato, per l’ennesima volta, la loro arroganza. Il problema, per loro, è che gli altri italiani ormai non ci fanno nemmeno più caso e, forse, si sono arrabbiati perché il presidente del Consiglio si è esibito in un’altra delle sue rettifiche. Quelli, i casinisti, hanno la testa vuota, non si sarebbero fatti molto male.

2 commenti

Archiviato in Politica

2 risposte a “Teste vuote

  1. testabislacca

    Un post, peraltro misurato e senza eccessi, mi è costato aspri rimproveri.
    Così imparo ad avere una lista di link all’80% di sinistra.🙂
    Ciao Ringo.

  2. ringo83

    Il fatto è che davvero – e prutroppo – a sinistra hanno tutti una innata arroganza. Sai spesso cosa mi accade? Che qualcuno mi dica: non credevo che una persona intelligente potesse stare con Berlusconi. Riferendosi a me ovviamente. Ora, probabile che io non sia nemmeno così troppo intelligente al punto da scegliere, tra la sinistra e Berlusconi, quest’ultimo. Però davvero rende l’idea di come si atteggino. E pace all’anima loro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...