Due conti e tiriamo le somme

Il governo c’è. Ha i 12 ministri con portafogli, come promesso in campagna elettorale. E a scorrere i nomi la sensazione è che il Cav. abbia voluto mantenere la parola data: uomini che siano di fiducia, che rispondano a me soltanto e non si mettano a fare troppo i protagonisti. Eccezion fatta per alcuni nomi, uno di gran peso considerato il ruolo che coprirà: parliamo di Maroni agli Interni, scelta sensata  e logica, perché è alla Lega che è stato chiesto di mettere in ordine la sicurezza italiana.

Poi, comunque, i nomi sono sempre quelli. Con l’eccezione di alcuni nuovi che suscitano un po’ di perplessità: la Gelmini all’Istruzione e la Carfagna alle Pari Opportunità. Anche se in questo caso suscita perplessità l’esistenza stessa di un ministero che porti questo nome. E ci sarebbe quel Bondi alla Cultura che pare proprio un parcheggio fatto apposta.

E’ una sifda per tutti, anche per i giovani che chiedevano spazio. Sulle voci che verranno espresse in queste ore stendiamo un velo. Ora si tratta di lavorare e lavorare bene. Senza gettarsi la zappa sui piedi prima ancora di cominciare.

Buon lavoro a tutti.

Ps: ci sarà da ridere a vedere un Consiglio dei Ministri con Tremonti vs. Brunetta😉

2 commenti

Archiviato in Politica

2 risposte a “Due conti e tiriamo le somme

  1. per me Brunetta era meglio all’agricoltura😛

  2. Come mai sei perplesso sulla Gelmini? Non mi sembra poi una scelta malvagia…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...