Giovannino l’infaticabile

L’archivio Guareschi che si trova nella sede del Club dei 23 a Roncole Verdi è immenso. Nel vero senso della parola. Raccoglie fiumi di carta e di scritti dell’autore parmense, morto troppo presto, capace però di lasciare in eredità ai figli e ai suoi lettori pagine e pagine di poesia, racconti e articoli. In questi ultimi anni le attività del centro studi proseguono frenetiche in vista della celebrazioni per il centenario della nascita che cade, ufficialmente, il 1 maggio.

Oggi Libero ospita la presentazione dell’ultimo volume, in termini di tempo, da parte di Egidio Bandini, giornalista conterraneo di Guareschi. A fine maggio, infatti, sarà in libreria “Il grande diario”, curato dai figli Alberto e Carlotta, fedeli custodi della memoria paterna. E’ il racconto, il secondo, dell’esperienza di Guareschi nei lager tedeschi. GG infatti aveva già lasciato ai posteri il Diario Clandestino, con la vita all’interno dei campi di prigionia, riuscendo a strappare i sorrisi dei lettori che vengono immersi in una realtà colpevolmente dimenticata da storici e cultura. La realtà degli Internati militari italiani, quei soldati che dopo l’8 settembre 1943 non vennero meno al giuramento al re, preferendo la strada per la Polonia o la Germania all’adesione alla Repubblica sociale. Una resistenza silenziosa, ma non meno efficace. Il Diario clandestino racchiude in sé l’animo guareschiano, quello che riesce a sopravvivvere anche quando la vita sembra qualcosa di impensabile e lontana.

Guareschi voleva bruciare, disfarsi di questi ricordi. Non lo fece e ora Alberto e Carlotta li hanno recuperati. Come hanno recuperato, con la collaborazione di due giovani ricercatori, altre pagine inedite, compreso un romanzo incompleto ambientato durante la guerra anglo-boera. Il buon Giovannino fu sempre uomo infaticabile. Celebri, per chi lo ha conosciuto direttamente, erano le notti passate sveglie a scrivere per il Candido, tra tazze di caffé e pacchetti di sigarette. In quel mondo Candido, fatto di perseveranza e umiltà, c’erano il Mondo Piccolo di don Camillo e Peppone, il Corrierino delle famiglie, le Lettere al postero e altre rubriche che lo rendono lo scrittore italiano più tradotto e più letto al mondo. Al mondo grande.

Chi di dovere non gli ha mai reso giustizia. Però chi merita ha sempre la meglio alla fine. E questo 2008 renderà a Guareschi quello che la cultura italiana ha sempre tolto. Forse, è andata bene così.

Mostre e manifestazioni

19 aprile: apre alla Galleria San Ludovico di Parma la mostra “Giovannino Guareschi, nascita di un umorista”.

1-4 maggio: apertura ufficiale delle celebrazioni del centenario della nascita a Fontanelle di Roccabianca (Parma) con “Buon compleanno Giovannino”.

Giugno: festival “Mondo piccolo cinematografico”.

Giugno – settembre: a Bologna, “Giovannino Guareschi e il cinema”.

21-22 novembre: presso l’Università degli Studi di Parma, convegno internazionale “Giovannino Guareschi: un autore moderno”.

1 Commento

Archiviato in Giovannino Guareschi

Una risposta a “Giovannino l’infaticabile

  1. mario

    Ricordatevi che con il mio Amico ARCHIE PAVIA a ROMA abbiamo allestito un omaggio a GIOVANNINO GUARESCHI dove mi onoro di aver partecipato saluti e bacioni MARIO CIRULLI su FACEBOOK ci sono le foto della mostra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...