La vecchia coperta

Pierferdinando Casini ha deciso di correre in solitaria e, da galantuomini quali siamo, non ci resta che porgergli i nostri auguri. Non che abbia sorpreso molti, soprattutto è improbabile che abbia colto di sorpresa Berlusconi. Magari ha stupito se stesso, di certo non il Cav. anche se ciò non toglie che il leader del Pdl non abbia grattacapi nuovi per la testa.

La mossa di Casini non sorprende perché, in un momento in cui si auspica un decisivo cambiamento partitico, il nostro si è ricordato di essere uomo della Dc, vecchio stampo nonostante la faccia giovanile (e non giovane) che mostra ai suoi interlocutori. Quanto pesa realmente l’UDC, ahinoi, lo scopriremo a giochi fatti, dopo le elezioni di aprile. L’auspicio è che non valga alcunché, ma qui stiamo parlando di Italia, dove la gente reclama rivoluzioni a grande voce, poi si tiene stretta la vecchia coperta.

Al tentennare del nuovo che non avanza, preferiamo di gran lunga il coraggio di Gianfranco Fini, deciso come non mai, o per lo meno sembra, a dare un tono alla destra di quaggiù. La fiamma va in soffitta? Pazienza, gli anni scorrono e i tempi cambiano, anche nel Paese della vecchia coperta. Il ragionamento politico del presidente di AN fila liscio come l’olio: per restare competitivi, bisogna seguire l’unico politico che fa della competizione il suo motto di battaglia. Magari restandogli talmente vicino da costruire un partito in comune come logica comanda(va) da tempo. Dal ’94, tanto per intenderci.

2 commenti

Archiviato in Politica

2 risposte a “La vecchia coperta

  1. la posizione di fini è chiara:
    1) i suoi “colonnelli” erano già da tempo saliti sul carro di silvio, già un anno fa gianfranco aveva corso il rischio che gli portassero via il partito, e quindi col vent oche soffia non ha potuto che mettere le vele al vento;
    2) gianfra ha fatto anche un ragionamento “biologico”, dopo questo giro a silvio non resta più molto tempo, fra 5 anni (alla soglia degli 80) potrà solo concorrere per la poltrona presidenziale oppure togliersi di mezzo e lasciare a lui, necessariamente, la guida del pdl (se silvio davvero gliela lascia, cosa di cui dubito).

  2. ni*ta

    Ringo, con tutto il bene che ti voglio, io Fini non lo approvo per niente. E non certo per via della fiamma.
    Come si fa a sparare (giustamente) a zero sul Berlusca che si sveglia una mattina e fonda un nuovo partito, e poi rimangiarsi tutto?
    Ci discuto con amici da giorni.Non c’è strategia che mi convinca. Non c’è PPE che tenga.
    Scusatemi tanto, ma io non lo capisco, e quest’anno, forse, non voterò. Per la prima volta in vita mia.
    Casini? Coerente, nel suo essere un tristo democristo doc.
    Sono desolatissima.

    Dyo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...