Archivi tag: silvo berlusconi

Una trombata seppellirà tutti

Se fino a qualche tempo fa la battaglia giudiziaria attorno a Silvio Berlusconi convergeva sugli affari imprenditoriali del presidente del Consiglio, oggi ha un altro punto di riferimento: l’apparato riproduttivo femminile. Utilizziamo un linguaggio tecnico perché non vorremmo passare per sporcaccioni, ma ci siamo intesi. La procura di Milano ha convocato il Cavaliere il 21 0 22 0 23 gennaio, per passare al rito abbreviato dal momento che ritiene di avere in mano le carte per incastrarlo seduta stante – e poi si battevano il petto e stracciavano le vesti, lor signori, quando si parla di processo breve. Le vicende di letto del capo del governo rischiano di far saltare i piani per il rafforzamento della maggioranza in Parlamento, consente all’opposizione di far quadrato attorno all’eterno nemico nascondendo le frizioni interne e permette a Gianfranco Fini e Pierferdinando Casini di ridisegnare le singole strategie per salire alla definitiva ribalta. Perché non è la politica a farla da padrona in Italia, ma sono le trombate di Silvio Berlusconi.

L’accusa è di farsela con una prostituta minorenne, oltre che di aver abusato del proprio ruolo. Il tutto accade il giorno dopo che la Corte costituzionale ha gambizzato il legittimo impedimento, per quanto il premier risulti indagato dal 21 dicembre. Ma la notizia, come detto, è apparsa solo oggi. Una nuova manovra, diversa dalle altre, quando ad esempio venivano messe on line le registrazioni della Patrizia D’Addario, con le indagini ancora in corso e tutto il resto. Stavolta qualcuno deve avere dato un’occhiata al calendario e segnato la data del 13 gennaio, giorno della fatidica pronuncia della Consulta, mettendo in conto la bocciatura totale o parziale. Tagliando fuori dai giochi Michele Santoro, che dovrà attendere fino a giovedì prossimo per darci dentro. Ma il sacrificio è contemplato.

Ma a questa “legge”, il fatto che il Cavaliere si sia trombato o meno una minorenne poco importa: è solo il mezzo per giustificare il fine. E non si faccia finta di nulla, perché il tempismo adottato è proprio roba da sgamo, come si dice degli studenti che si fanno beccare mentre copiano il compito in classe.

Così, mentre tra qualche ora sapremo il risultato di un referendum importante per capire in che direzione possa andare il lavoro di casa nostra, par di capire che Ezio Mauro e Marco Travaglio ce l’hanno a barzotto, mentre altri si chiudono in bagno e si danno all’arte amanuense con le foto e i video delle feste di Arcore e Villa Certosa recuperati dal pc di Ruby. Dopo ti fanno le menate sul corpo delle donne usato come merce di scambio: ma bravi, è ben quello che li fa esaltare nella lotta contro il nemico.

Lascia un commento

Archiviato in (new)media, Politica